Essere aiutati per dimagrire

È stato scientificamente provato che per perdere peso è necessario un aiuto, oppure che si deve essere così resistenti al cibo da chiedersi come si sia potuti ingrassare. È necessario trovare aiuto in qualsiasi forma disponibile, e una di queste forme è il modo in cui è strutturata la dieta.

Ho sviluppato il metodo classico in risposta alle richieste dei miei pazienti che venivano in consulto in ambulatorio. Non potevo vederli più di una volta al mese e quando iniziavano la fase di attacco, chiedevo loro di telefonarmi l’ultimo giorno di quella fase e sarebbero stati felici di dirmi quanto avevano perso.

Ho costruito questo piano dandogli una struttura o organizzazione interna facile da capire e da seguire. In questo modo, la fase più difficile dell’attacco è anche la più gratificante, e il successo per persone che sono state per anni in uno stato di disperazione e indecisione è un’enorme spinta motivazionale.

Poi, nella fase di crociera, l’aggiunta di verdure alternata a giorni di proteine pure crea un ritmo che impedisce la monotonia, è una danza alternata su un piede PP e un piede PV, il tempo sembra meno lungo.

Inoltre, ho creato il Giusto Peso per fissare un traguardo ben preciso, perché non c’è niente di più pericoloso e demotivante del non sapere dove si sta andando o, peggio ancora, dell’arretrare il proprio obiettivo man mano che si perde peso. Il Giusto Peso non è un suggerimento, ma un peso basato su 11 parametri personalizzati come età, sesso, altezza, peso iniziale, peso desiderato, peso massimo pesato nella vita e peso minimo, tendenza familiare all’aumento di peso, numero di gravidanze per le donne e numero di diete seguite.

Questo peso è un algoritmo scientifico che non produce sensazioni o stati d’animo, è un cartello che indica la direzione e il tempo necessario per raggiungere l’obiettivo.

Nella fase di consolidamento, la sua durata è facilmente calcolabile in base alla semplice regola dei 10 giorni per ogni chilo perso. Questa si divide a sua volta in due metà, che si aprono progressivamente, in modo da sapere sempre dove si sta andando.

Infine, quando si è perso e consolidato il peso, è il momento di passare alla stabilizzazione definitiva e al ritorno alla vita normale, con il rischio di perdere il sostegno che rende più facile la prova. Ecco perché ho incluso il giovedì proteico, la camminata di 20 minuti, le scale e i 3 cucchiai di crusca d’avena per coloro che l’hanno raggiunta.

Per questo motivo, quando il metodo era definitivamente strutturato e funzionava in modo molto efficace in presenza in ambulatorio, sono stato in grado di trasmetterlo in un libro che non era destinato a pazienti in carne e ossa ma a lettori, ed è probabilmente in parte grazie alle istruzioni per l’uso che il metodo è stato seguito in molti paesi.

Parte del segreto era la tabella di marcia che si apriva per la persona che si apprestava a iniziare il piano.

Un giorno, mentre aspettavo un aereo a Orly, ero seduto su una di quelle panchine dell’aeroporto e tre o quattro metri davanti a me, su un’altra panchina, c’era una giovane donna che parlava al telefono a voce abbastanza alta da permettermi di sentire la sua conversazione e a un certo punto la sentii dire

“Ho combinato qualche guaio questo fine settimana, ma un giovedì PP e tutto è stato ripulito”.

Non sapeva chi fossi e quando mi ha visto sorridere mi ha guardato male. Allo stesso modo, un giorno ero seduto nella metropolitana di Parigi accanto a una donna. Era lì che prendeva un libro dalla borsa e iniziava a leggerlo. Essendo abbastanza attento, ho notato che stava leggendo “Je ne sais pas maigrir” (Non so come dimagrire). Istintivamente, ho inclinato leggermente la testa per vedere a che punto del libro si trovasse. La sua reazione fu istantanea: si irrigidì, allontanò il libro e mi disse: A lei non serve!

Leave a Reply

×
×

Carrello